DA LECCO A PECHINO

DA LECCO A PECHINO

 25,00

Nel giugno del 1989, una cruenta repressione spegneva nel sangue le speranze di libertà di migliaia di studenti sulla piazza Tienanmen.
Nel settembre dello stesso anno, dieci viaggiatori partiti da Lecco su tre furgoni raggiungevano Pechino, dopo un viaggio avventuroso di oltre sedicimila chilometri attraverso Jugoslavia, Grecia, Turchia, Iran, Pakistan e Cina. Sulla piazza Tienanmen, occupata dai soldati, furono i primi a onorare il sacrificio delle giovani vittime.
A trent’anni esatti da quegli eventi, in questo volume sono testimoniati lo svolgersi emozionante della loro impresa e il messaggio di pace e amicizia coraggiosamente portato a quei ragazzi di Pechino.

10 settembre 1989. Dall’oblò dell’aereo la pista appare immersa in una sonnolenta oscurità, punteggiata qua e là da luci gialle e dalla sagoma grigiastra di un aereo in attesa di decollo. Il cambio dei fusi orari disorienta in questa sosta prevista durante il volo che da Pechino ci riporta in Europa. A Karachi scende una pioggia fitta e insistente, che allevia un poco l’afa pesante e fa brillare l’asfalto nero nella notte.
Torno col pensiero all’immensità grigia in una desolata solitudine della piazza Tienanmen vista nel pomeriggio plumbeo. È l’ultima immagine che mi accompagna di un viaggio che pareva interminabile e si è concluso in quel cuore di Pechino che dal giugno scorso ha smesso di pulsare e mostra il suo selciato ruvido malinconicamente vuoto.